Search

Spinward Fringe Broadcast 0: Origins in Italian - Looking for the opinions of Italian speakers.

Updated: Jul 11, 2021



I'm just about to have Spinward Fringe Broadcast 0: Origins translated into Italian, and the translator who would like to do this has sent me a sample chapter. There's a problem, though... I don't speak Italian.


So, I'm hoping that someone who understands that lovely language can take a quick look at the sample I'm posting and comment on it. More than anything, I'd like to know if this is an accurate translation. I have to know by the end of the weekend, sadly.


Thank you for your help in advance.


Here's the English version:


Book 1: Freeground

Prologue

The Last Mission

The odds weren’t in our favour. They rarely were, but this time it was different. The stakes were higher.

As I drifted through the silence of space in my Raze Starfighter, I watched the shadows of the debris around my ship pass overhead. Our wing was hiding amongst thousands of meteors that we’d stirred up and directed at a nearby gas giant. All systems were deactivated, including life support.

There were one hundred of us this time; all set up in fighters, bombers and shuttles. In times like these, everyone’s performance was critical. Signal silence had to be observed. Only my low-power personal computer was on, and it was set to passive mode, only receiving signals. My suit’s shielding prevented it, and my life signs from being detected at a distance.

People were watching, machines were scanning for anything in the field that could be something other than rock. It was hard to stir up so much mass and send it close to the munitions station. If one of us were scanned because we were just a little out of place, all that work would be for nothing.

I looked towards our target through the cockpit and barely caught a glimpse. It was massive, two wheels surrounding a tall centrepiece hanging in orbit around a gargantuan blue and purple gas giant. The station looked small even though it was over a hundred kilometres across with fighter bays, drone launch tubes, dozens of point defence turrets, and missile launchers. No one had ever gotten anywhere near it. Beyond it were small silhouettes against the sun. One of the All-Con Fleet Battle Groups had stopped in to rearm and would be there for several days. They suspected someone would attack the station.

The command and control display on my wrist, counting down the distance between us and the station, showed 43,477 kilometres and I knew that in less than four thousand we would know whether or not the station saw us as a threat. It would come quick, just a flash of light and it would all be over. Modern super nukes were like that, no harmful residual radiation, just a massive flash and over four hundred kilometres worth of matter would be gone.

I caught myself holding my breath and shook my head. Breathe normally, I thought. If we get a chance to see the nuke coming, we might have a chance to turn and run.

I checked my counter again. We’d passed the safe range for a nuclear explosion. If the base hit us with one they would risk shorting out its own perimeter sensors with the electromagnetic pulse and taking damage. That brought us to our next challenge.

The perimeter sensors were finely tuned, and would scan all passing objects. Thankfully they wouldn’t be able to penetrate our hulls and discover our body heat, but it would trace the outside of all the objects, creating profiles it would look up in the base’s database.

We had attached all kinds of random objects to our hulls, making our ships look like floating trash or strangely shaped meteors made of compressed garbage jettisoned by some unknown interstellar vessel. If it worked, we’d be past the perimeter sensors, but if someone didn’t disguise their ship well enough or activated any kind of system, we’d be finished. Once one of us was found out, the station would send a squadron of fighters to check it out or they’d just start shooting at the meteors and we’d get ground up in a blender of colliding rock and debris.

I looked back to the counter on my arm display and watched the kilometres tick away. We were closing on 20,000km and fast. The gravity of the massive gas giant below was tightening its grip. An All-Con Fleet destroyer was moving towards the station, and I found myself wondering if we’d have to use it for cover later.

Two years ago, when I joined up with this crew, I would have thought the strategy of using a kilometre long fully armed destroyer for cover was absolutely crazy. As I double checked my fighter’s thermal silhouette, I found myself acknowledging that it was just another checkpoint on the list we call ‘they’ll never see it coming’.

My command and control display beeped once quietly and I saw that we were a couple of seconds away from our destination, the closest point we could reach under inertial drift. I watched and waited as it counted down to 937 kilometres. Just as it reached that magic number and started counting up again, I covered my eyes and flipped a switch.

Hundreds of thermal charges planted in the meteors all around us went off with a blinding flash. They weren’t hot or explosive enough to change the meteor shower’s course, but it would create an intense visible wave of light for hundreds of kilometres that would make it impossible for the station to pick out our fighters until we were close. Real close. They’d need to use visual scans, which wouldn’t work well for their computers since our shapes were irregular. That would leave manual targeting until they figured out what we’d done to our ship profiles. “Let’s go! Everyone knows what to do!” I yelled into my communicator.

“Yeeeehaw! Seven hundred kilometres and closing! Let’s do some damage!” Oz replied.

“Cover the boarding shuttles, if we don’t get our people inside this’ll be for nothing,”

“Bombers on first run! Don’t launch your shells until you can read their serial numbers!” Ronin shouted. I could see him and his thirteen bombers heading off towards the fighter launch bays and drone tubes. There was some activity out there, but not as much as I would have expected. The station computers and personnel weren’t sure what was happening yet.

My targeting scanner picked up the first group of fighters coming in from the far side of the station. I turned my ship towards them while floating past the outer ring of the station and started firing. The loaders for my three rail guns vibrated the entire craft as they propelled hundreds of rounds towards the group of fighters. “Marking alpha group,” I said as I selected them on my targeting computer. “They’re after the bombers.”

“It’s their funeral!” Ronin called out.


Here's the Italian version:

LIBRO PRIMO: FREEGROUNDPROLOGO

L’ULTIMA MISSIONE

La fortuna non era a nostro favore. Raramente lo era, ma questa volta era diverso. La posta in gioco era più alta.

Mentre vagavo nel silenzio dello spazio nella mia Raze Starfighter, guardai le ombre dei detriti attorno alla mia nave passarmi sopra la testa. Il nostro reparto stava nascosto tra migliaia di meteore che avevamo sollevato e diretto ad una vicina gigante rossa. Tutti i sistemi erano disattivati, compreso il supporto vitale.

Questa volta eravamo in cento; tutti sistemati in caccia, bombardieri e shuttle. In tempi come questi, la prestazione di ognuno era fondamentale. Bisognava osservare il silenzio di segnale. Solo il mio pc a bassa potenza era acceso, ed era impostato in modalità passiva, ricevendo ma non inviando segnali. Lo scudo della mia tuta impediva ad esso e ai miei segni vitali di venire individuati a distanza.

Persone stavano guardando, macchine stavano scannerizzando alla ricerca di qualsiasi cosa nel campo che avrebbe potuto essere altro rispetto a semplice roccia. Era difficile sollevare così tanta massa e spedirla nei pressi della stazione di munizioni. Se uno di noi fosse stato scannerizzato perché eravamo un poco fuori luogo, tutto quel lavoro non sarebbe valso a nulla.

Guardai il nostro obiettivo attraverso la plancia e intravidi a malapena qualcosa. Era enorme, due ruote circondanti un alto elemento centrale sospeso in orbita attorno ad una gargantuesca gigante gassosa blu e viola. La stazione sembrava piccolo nonostante i suoi oltre cento chilometri di diametro con hangar per caccia, tubi di lancio per droni, dozzine di torrette di difesa e lanciamissili. Nessuno ci si era mai avvicinato tanto. Al di là vi erano piccole sagome stagliate contro il sole. Una delle Flotte di Combattimento All-Con si era fermata per riarmarsi e sarebbe rimasta lì per diversi giorni. Sospettavano che qualcuno avrebbe attaccato la stazione.

Il display di comando e di controllo sul mio polso, facente il conto alla rovescia della distanza tra noi e la stazione, mostrava 43.477 chilometri, ed io sapevo che a meno di quattromila avremmo scoperto se la stazione ci vedeva o no come una minaccia. Sarebbe successo in fretta, proprio come un lampo di luce, e sarebbe tutto finito. Le super bombe atomiche moderne erano così: niente radiazioni residue nocive, soltanto un lampo gigantesco e poi oltre quattromila chilometri di materia sarebbero spariti.

Mi ritrovai a trattenere il respiro e scossi la testa. Respira normalmente, pensai. Se abbiamo occasione di vedere l’arrivo della bomba atomica, potremmo avere la possibilità di voltarci e fuggire.

Controllai di nuovo il mio conto alla rovescia. Avevamo oltrepassato la distanza di sicurezza per un’esplosione nucleare. Se la base ci avesse colpiti con una bomba, avrebbe rischiato di mandare in corto circuito i propri sensori perimetrali con l’impulso elettromagnetico, subendo danni. Questo ci portava alla nostra sfida successiva.

I sensori perimetrali erano ottimamente messi a punto, e avrebbero scannerizzato tutti gli oggetti di passaggio. Per fortuna, non sarebbero stati in grado di penetrare i nostri scafi e scoprire il nostro calore corporeo, ma avrebbero tracciato l’esterno di tutti gli oggetti, creando profili che sarebbero comparsi nel database della base.

Ai nostri scafi avevamo legato tutti i tipi di oggetti casuali, facendo rassomigliare le nostre astronavi a immondizia galleggiante o meteore dalla forma strana, composte da spazzatura compressa espulsa da un qualche vascello interstellare sconosciuto. Se avesse funzionato, avremmo superato i sensori perimetrali, ma se qualcuno non avesse celato abbastanza bene la propria astronave o attivato qualche tipo di sistema, saremmo stati spacciati. Una volta che uno di noi fosse stato scoperto, la stazione avrebbe inviato uno squadrone di caccia per controllare, oppure avrebbero semplicemente iniziato a sparare alle meteore e noi saremmo stati polverizzati in un frullatore di rocce e detriti in collisione.

Scrutai di nuovo il conto alla rovescia sul display al mio braccio e guardai i chilometri scorrere. Ci stavamo avvicinando ai 20.000, e in fretta. La gravità della gigante gassosa sottostante stava stringendo la propria presa. Un caccia delle Flotte All-Con si stava muovendo verso la stazione, ed io mi ritrovai a chiedermi se avremmo dovuto utilizzarlo come copertura più avanti.

Due anni fa, quando mi aggregai a questo equipaggio, avrei pensato che la strategia di utilizzare come copertura un caccia lungo un chilometro e armato fino ai denti fosse una vera pazzia. Mentre ricontrollavo il profilo termico del mio caccia, mi ritrovai ad ammettere che era soltanto un altro punto di controllo sulla lista che chiamavamo “Non se l’aspetteranno mai”.

Il mio display di comando e controllo fece un solo bip silenzioso, ed io vidi che eravamo a pochi secondi di distanza dalla nostra destinazione, il punto più vicino che potevamo raggiungere sotto una deriva inerziale. Guardai e attesi mentre il conto alla rovescia scendeva a 937 chilometri. Proprio quando raggiunse quel numero magico e iniziò a contare di nuovo, mi coprii gli occhi e premetti un pulsante.

Centinaia di cariche termiche impiantate nelle meteore tutt’attorno a noi scoppiarono con una luce accecante. Non erano calde o esplosive in maniera tale da cambiare il corso della pioggia di meteoriti, ma avrebbero creato un’intensa ondata di luce visibile per centinaia di chilometri che avrebbe reso impossibile per la stazione individuare i nostri caccia fino a quando non fossimo stati vicini. Molto vicini. Avrebbero dovuto utilizzare scansioni visive, che non avrebbero funzionato bene nei loro computer in quanto le nostre forme erano irregolari. Ciò avrebbe lasciato il puntamento manuale fino a quando non avessero capito cosa avevamo fatto ai profili delle nostre astronavi. «Andiamo! Sapete tutti cosa fare!» urlai nel mio trasmettitore.

«Yee-haw! Settecento chilometri e in avvicinamento! Facciamo un po’ di danni!» replicò Oz.

«Proteggete gli shuttle di abbordaggio. Se non portiamo dentro la nostra gente, sarà stato tutto inutile.»

«Bombardieri in uscita! Non sganciate le vostre bombe fino a quando non riuscirete a leggere i loro numeri seriali!» gridò Ronin. Potei vedere lui e i suoi tredici bombardieri dirigersi verso gli hangar e i tubi di lancio. V’era una certa attività laggiù, ma non tanto quanto mi sarei aspettato. I computer e il personale della stazione non erano ancora sicuri di che cosa stesse succedendo.

Il mio scanner di puntamento individuò il primo gruppo di caccia provenire dall’altro lato della stazione. Voltai la mia astronave verso di loro mentre galleggiavo oltre l’anello esterno della stazione e iniziai a sparare. I caricatori dei miei tre cannoni elettromagnetici fecero vibrare il veicolo intanto che espellevano centinaia di proiettili in direzione del gruppo di caccia. «Agganciamento gruppo alfa» dissi, selezionandoli sul mio computer di puntamento. «Stanno inseguendo i bombardieri.»

«È il loro funerale!» esclamò Ronin.


- Thank you again, I'll be grateful for any comments that help me decide whether to go ahead with this or not. -


69 views1 comment

Recent Posts

See All